PROGETTO – SIGMA Ter

Logo Sigma TerIl progetto inter-regionale SIGMA Ter è nato dall’esigenza interregionale di integrare i dati geografico – territoriali con i dati catastali, per facilitare il processo di decentramento catastale e per migliorare la capacità di pianificazione e gestione amministrativa e fiscale del territorio e della qualità dei servizi per cittadini, professionisti ed imprese. Il principale scopo di SIGMA Ter è la costituzione di un canale informatico permanente, atto a consentire l’interscambio e l’integrazione delle informazioni catastali tra l’Agenzia del Entrate e le Amministrazioni locali, al fine di ottenere dati catastali aggiornati, affidabili ed integrabili con tutte le altre informazioni di natura territoriale. Grazie a questa funzione principale, è stato possibile mettere a disposizione, attraverso il sistema, un elevato numero di servizi quali la gestione e il rilascio di certificazioni di destinazione urbanistica, la gestione di ICI e TARSU (con le relative evoluzioni normative), il recupero, l’allineamento e la condivisione fra uffici delle informazioni, l’anagrafe edilizia e toponomastica integrata per la gestione, il controllo e la pianificazione territoriale, la realizzazione di strumenti per la gestione di vincoli urbanistici, il demanio idrico e la gestione pratiche edilizie.

Il progetto è stato promosso da una serie di Regioni in collaborazione con l’Agenzia del Territorio (ora Agenzia delle Entrate), approvato e cofinanziato dal Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie nell’ambito dell’attuazione della fase 1 del Piano Nazionale di e-government.

Il sistema è a regime dall’anno 2006 e le Regioni hanno condiviso la costituzione di un Partenariato atto a garantire il mantenimento condiviso delle soluzioni realizzate e ad estendere la sfera delle amministrazioni utilizzatrici.

L’attuale Partenariato per la gestione ed evoluzione del sistema SIGMA Ter è costituito dalle Regioni Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta e Veneto.

Le attività del Partenariato sono regolate a partire dal citato Accordo Quadro di cooperazione interregionale permanente per lo sviluppo delle iniziative volte al potenziamento della società dell’informazione e dell’e-government sottoscritto da Regioni e Province Autonome e dal CISIS. Le Regioni Liguria e Valle d’Aosta sono state individuate come Regioni Capofila nel coordinamento dei lavori del Gruppo Guida e nella realizzazione delle funzioni di segreteria e di manutenzione ordinaria, adeguativa ed evolutiva del sistema interregionale condiviso con il supporto del CISIS.

torna all'inizio del contenuto